Giovanni Belcastro Architetto
Studio di Architettura
San Giovanni in Fiore (CS)

Menu

Tag Cloud




Progettazione di interni >> Progetti Realizzati >> Casedie

Dalla cantina alla soffitta.
 
"La casa è infatti il nostro angolo del mondo, è come il nostro primo universo. Essa è davvero un cosmo, nella prima accezione del termine. Non è forse bella la più modesta casa, se la guardiamo dal punto di vista dell'intimità"
Gaston Bachelard

"CASEDIA"     1994 
 
Il progetto è la metafora della casa - "casedia-casedie" - sedia a forma di casa.
 
Essa consta di tre livelli; la cantina, sotto la seduta- solaio, dalle volte e dalle grandi arcate; la stanza, "illuminata" dalle finestre scompartite a croce, cui si "accede" dalla porta alle spalle di chi è seduto, è costituita dalla seduta vera e propria,  accoglie l'uomo come in una culla, sostenendolo dalle bufere del cielo e le bufere della vita; la soffitta, con il tetto spiovente, illuminata dalla monofora circolare attraverso cui si possono scorgere le colline antistanti, conserva l'odore unico delle mele e dell'uva secca. 
 
La verticalità è assicurata dalla polarità della cantina e della soffitta, aprendo due direttrici: la razionalità del tetto e la irrazionalità della cantina. Il tetto mette al riparo l'uomo dalla pioggia e dal sole, mentre la cantina rappresenta l'essere oscuro della casa, l'essere che partecipa alle potenze sotterranee. "La camera è la dimora di una dolce fanciulla ed è abitata dai ricordi di una nonna appassionata; essa è isolata nella sua altezza, conserva il passato e domina lo spazio".